.
Annunci online

 
Tony_ 
nata voce sulitaria
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 

Add to Technorati Favorites
  cerca


 

Diario | Poesia & Letteratura | Storia,Leggende,Religione & Culto | Web & Intrattenimento | Scienza, Medicina & Salute | Arte, Moda & Fotografia | Animali, Esseri viventi & Co. | Scienza,Fantascienza & Mistero | Articoli Prodotti & Pubblicità | Cinema, Tv, Musica & Spettacolo | Cucina, Alimenti & Bibite | Notizie & Politica | SPORT | Computer & Internet | Non tutti sanno che.... | Viaggi,Vacanze & Luoghi | GIOCHI |
 
Diario
1visite.

20 marzo 2008

LO STRUSCIO

 
Oggi, secondo tradizione, sarebbe giornata di struscio! 
Alla voce "strùscio" nell''Enciclopedia Treccani si legge:
 
s.m. - 1. A Napoli, il passeggio in via Roma e via Chiaia, in occasione della visita ai Sepolcri, nella settimana santa (così chiamata dallo strusciare dei piedi sul fondo stradale, o dallo strusciarsi delle persone tra loro, nel grande affollamento.)
2. Per estens., la passeggiata domenicale o serale in cittadine di provincia.
 
Difatti, quando c'è molta gente per strada, in particolare quando si cammina su due file, avviene lo struscio!
Nella mia città lo struscio, invece, lo si faceva il giovedì e venerdì Santo (giorno dei Sepolcri) quando i fedeli si recavano a visitare le chiese di diverse parrocchie (in un numero sempre dispari e mai più di sette altrimenti era malaugurante). Una buona occasione per mettersi in mostra indossando vestiti nuovi ed incontare gente.
Col passar del tempo lo 'struscio pasquale' diventò un evento sempre più per i giovani perché questi ne aprofittavano per avere, dai genitori, "panni" nuovi da indossare per l'occasione. Ci riferiamo agli anni del dopoguerra e successivi, quando si comprava qualche indumento nuovo solo a Natale e Pasqua. Sebbene negli anni lo "struscio" acquistò, poi, sempre più il significato di "passeggiata" e di "shopping", ancora oggi, in molte famiglie c'è l'abitudine di acquistare qualche indumento nuovo proprio in occasione delle festività. 
 
 
"O struscio beneventano e na vota"
di Antonio Cimmino

Mentre all’inizzio
ero nu poco muscio,
poi pruvaie sfizzio
a fare lo struscio,
ch’era ‘o rito pasquale
e visità ‘a cattedrale
e ll’ate chiese d’’a città.
Na specie ‘e penitenza
pe’ guadagnà indulgenze,
struscianno a ccà e a llà.
Ma chella strusciata
pe’ nuie giovinotte
era pure l’occasione,
piuttosto rara e ghiotta,
pe’ curteggià ‘e guaglione
ca in quella iurnata
strusciavano a ppalate.
Erano tiempe senza
discoteche e sale ‘e ballo.
‘A divina provvidenza
succurreva ‘e pappavalle !


 
 
 
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sepolcri festività struscio

permalink | inviato da feel il 20/3/2008 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile